Onorio - The Reconnection

Vai ai contenuti

Menu principale:

Onorio

Testimonianze

Testimonianza di Onorio, 55 anni da oltre 10 anni gira in carrozzina,

non è autonomo e con la diagnosi di SCLEROSI MULTIPLA primitivamente progressiva primaria  (in buona sostanza, non si torna più indietro)

incontro Onorio, un mese fa ed iniziamo prima con qualche trattamento sulle strutture articolari del corpo, argomentare con lui di frequenze, vibrazioni, potenziali della mente, pensiero focalizzato etc.... per chi ha ricevuto una sentenza del genere è molto complicato....occorre partire da lontano su un terreno insidioso e pieno di resistenze....
ma con pazienza e calma entriamo in una dinamica dove "mi sembra che qualche movimento sia più fluido"


da li iniziamo con brevi sessioni di Guarigione Riconnettiva e il risultato è immediato....
mille sensazioni altalenanti si susseguono durante i nostri incontri....
la più eclatante è il pensiero...
"sono così leggero che ora mi alzo e cammino"  e in effetti al termine della sessione lo metto in piedi e alla presenza della madre e della infermiera che lo segue mostra come riesca a mantenersi eretto, ben saldo su entrambe le gambe,
cosa che non succedeva da almeno 5 anni e con un sorriso a 36 denti di fronte alla mamma stupita di vedere tutto questo.

L'altro passaggio eclatante riguarda il riuscire a sollevare la gamba sinistra da stesa quasi completamente (che trascinava da almeno 10 anni) senza il supporto dell'altra gamba; braccio e mano sinistra che hanno ripreso a funzionare; avere la forza di sollevarsi con la sbarra a letto, di aprire e chiudere la mano e di iniziare a riprendere confidenza con il gesto del chitarrista che pizzica le corde, obiettivo prossimo che vuole raggiungere, oltre a tanti altri particolari che ci danno la misura di come le frequenze di guarigione cambino le vecchie abitudini che la malattia ogni giorno riproponeva e ci spostino su un piano di consapevolezza diversa.





Aggiornamento del 15 Aprile

Le condizioni di Onorio sono in costante miglioramento, ora sale e scende più agevolmente dalle auto che lo trasportano, ha migliorato la deambulazione, si sente più forte ed energico, affronta tutti gli impegni che si è preso "fuori casa" senza troppi problemi, ma sopratutto ha preso coscienza che il suo stato è cambiato in modo decisivo ed è in continua evoluzione, al riguardo trovate sotto uno scatto che immortala la condizione del suo braccio e della sua mano, che non gestiva più da almeno 5 anni .....con comprensiva soddisfazione sua e della mamma che lo accudisce.....gli scatti mostrano le condizioni del braccio all'inizio e di adesso...

 
 

aggiornamento del 21 Maggio ......
Onorio continua a stupirci e lo vediamo oggi come riesca a mantenersi dritto in piedi ...
con un super sorriso...

aggiornamento del 6 Luglio,

le condizionidi Onorio migiorano a vista d'occhio, dall'aver ripreso ad alimentarsi 3 giornia settimana, all'aver all'avere più forza, volontà e determinazione nel proseguire il percorso di auto-guarigione.
Qui nell'immagine ripresa di spalle, si regge in autonomia sulle sbarre, mentre canticchiava una canzoncina..e la schiena sia più in linea rispetto a prima......

 

Racconto quanto ottenuto dopo un anno con Giorgio.
Un importante messaggio è stato: renditi conto che tu hai favorito l’insorge del tuo male ( BRUCE LIPTON)... un fulmine a cielo sereno.
Ho la sclerosi multipla primaria progressiva. Quello che ho perso non potrò recuperarlo, opinione dei medici.
La spasticità muscolare mi ha segnato, in varia misura, la parte sinistra del corpo. I trattamenti fatti mi hanno permesso di sentire la gamba viva.

Bisogna creare un nuovo collegamento tra cervello e arto.
Giorgio è intervenuto per stimolare nuove connessioni e per migliorare il blocco creatosi nel tempo.
Dopo un anno  ho scoperto che il mio arto non è un pezzo di legno.
E’ vivo e se il collegamento cervello-arto migliora ancora, sì, potrò riprendere a muovermi.
Per ora avverto, in modo occasionale, qualche segnale al mio arto e la faccenda mi fa bene sperare.
La spasticità muscolare aveva colpito il braccio sinistro e il blocco funzionale della mano, il cortisone unico rimedio utilizzato  
Il tutto ha peggiorato, notevolmente, la qualità della vita. A me l’arto serviva per suonare il pianoforte, chitarra, dirigere un coro.
Con le sessioni fatti ho smesso il cortisone, ho ripreso ad utilizzare la mano e tutto il braccio , non sarò mai più un pianista, però ho capito che questo male me lo sono ricercato, bisognava svegliarsi prima…..
La mia SM mi ha costretto a mangiare pappe per 10 anni. Ho conosciuto Anna valida compagna che cucina molto  bene. Ho lasciato le pappe e sto seriamente pensando di togliere la PEG
Se vuoi camminare devi imparare nuovamente a stare in piedi, sarà diverso da prima, ma bisogna capire quanto sei cambiato nello stare in piedi. Attualmente ci stiamo lavorando.
Per ultimo, vorrei dire che ho sognato, chiaramente, di alzarmi per dover andare al bagno o mangiare qualche cosa della quale avevo fame.
Se sto sognando non svegliatemi
 

Il passo è breve......ma starsene cosi in piedi, con quello sguardo che ci mostra come invertire un processo valutato irreversibile sia stato possibile .....fa riflettere  !!!
Alla salute !!!!

 

News da Onorio....

la condizione, continua migliorare giorno dopo giorno, ora dedica mezz'ora circa  tutte le mattine al camminare, fare sollevamenti, esercizi di mobilià con il busto, mangia con gusto tutto ciò che gli viene messo in tavola, etc... una novità è in arrivo ....ma non vi posso dire altro !!!

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu